Volgarità, senso e ragione

E’ la semplicità con cui scorre volgarità che mi disturba più di ogni altra cosa.

Nell’ultimo periodo scrivo poco nel blog perchè di fatto leggo anche poco, sempre meno.
Perchè??

Perchè non riesco più a farlo.

Mi è sempre piaciuto leggere e documentarmi attraverso la lettura, mi piacciono il contraddittorio e i confronti, mi piace l’opposizione perchè molto spesso da due punti di vista distanti o addirittura opposti se ne ricava almeno un terzo.

Mi piace parlare con chi non la pensa o vede come la vedo io perchè dal suo pensiero spesso traggo spunti per condire o rivalutare il mio. Ho cercato sempre di motivare il pensiero e di cercare elementi che lo sorreggano o che lo stravolgano per riuscire a dargli un peso, una sostanza.

Spesso mi capita di leggere o ascoltare confronti tra persone e di avere poi bisogno di un pò di tempo per capire la visione di entrambi o almeno per cercare di farlo, prima di formulare poi la mia personalizzazione del pensiero altrui.

Sempre più spesso però quando leggo o assisto a questi confronti l’unica cosa che sento di potermi portare via è il mio tempo, smettendo di ascoltare o di leggere.

Il confronto di pensiero, fatto o ideologia ben presto lascia spazio a diverse esibizioni di volgarità.

Espresse in varie forme, ma che tendono sempre a spostare l’attenzione dall’oggetto del confronto.

Chi usa il sarcasmo come dato oggettivo e fa leva sulla sua presunta ironia per auto decretarsi superiore all’altra persona

Chi usa la saccenza come dato inconfutabile e fa leva sulla sua personalità dominante per auto decretarsi superiore all’altra persona

Chi usa le certificazioni come dato si suprema sovranità e fa leva sui decibel o sui follower per autodecretarsi superiore all’altra persona

Chi non ha nessun elemento se non che la volgarità espressiva e fa leva sull’insensatezza per auto decretarsi superiore all’altra persona almeno in un confronto vocale o da tastiera.

Poi c’è chi interviene in difesa o accusa di uno o dell’altro e che quindi automaticamente ne assume i gradi di appartenente o meno e che molto spesso non conosce nemmeno il contesto originale.

C’è chi prova ad inserirsi aggiungendo elementi interessanti del contesto  e viene ignorato da entrambi gli schieramenti perchè chi si estranea dalla lotta….

Moltissimi di loro nelle loro gare d’appalto si dimentica presto dell’argomento per andare a ricercare dal privato al sociale ragioni per sentirsi migliore della persona che si trovano difronte come se questa sorta di giudizio universale auto decretato potesse trasformare ogni loro pensiero in verità assoluta ed incontestabile.

Inizi con il trovare un titolo, un argomento, una questione che ti può interessare e finisci dopo pochissimo per assistere ad una sorta di videogioco virtuale in cui vince chi si insulta meglio o chi raccoglie più consensi pubblici. Figata.

La cosa più triste che questo gioco da un semi solitario diventa un gioco di società dal sicuro successo sociale praticamente immediato.

 

E allora di primo istinto rimango così:

senza nulla da dire, senza forza e voglia di scrivere

 

Perchè è vero che la vita non va presa sempre troppo sul serio, che la leggerezza è anche una qualità molto positiva, ma dovrebbe esserlo almeno altrettanto è che in certi casi non si può pensare che la leggerezza sia sempre la soluzione.

E allora non ti resta che pensare, deviare l’attenzione e aspettare che quel fuoco, quella passione quella voglia di comunicare e confrontarti con gli altri torni a farsi sentire, infondo nessuno ti obbliga a farlo, lo fai perchè ti fa piacere e perchè nel farlo ci vedi
un senso, una ragione.

Annunci

cit. Scuola di educazione motoria e sportiva

Posto questo testo perchè l’ho trovato… semplicemente PERFETTO:

 

Scuola di educazione motoria e sportiva

 

Ci fu un tempo che gli animali decisero che bisognava fare qualcosa per risolvere i problemi dell’Educazione Motoria e Sportiva nel mondo. Si doveva creare un corso di studi che soddisfacesse tutti, così fu creata una Scuola di Educazione Motoria e Sportiva, fu nominato un Consiglio Sportivo costituito da un tasso, un castoro e da una tigre, coordinati da un ghiro come Supervisore. Si iscrissero 12 animali, alle prove di ammissione tutti superarono i test e si decise di far partire la Scuola. Furono assunti Insegnanti competenti e fu preparato un programma tecnico-didattico che prevedeva lezioni:

– di corsa;

– di arrampicata;

– di volo;

– di nuoto.

Le tasse d’iscrizione alla Scuola erano molto elevate e tutti gli animali, naturalmente, dovevano applicarsi in tutte le materie e la frequenza era obbligatoria. L’anatra era molto brava nel nuoto. Ottenne dei voti sufficienti nella corsa e nel volo, ma era pessima nell’arrampicata, così dovette abbandonare il nuoto per esercitarsi nell’arrampicata, mentre tutti seguivano lezioni di nuoto. Dopo un po’ di tempo i suoi piedi palmati si rovinarono e di conseguenza ottenne voti bassi anche nel nuoto. L’aquila era considerata un elemento disturbatore del gruppo. Nell’arrampicata batteva tutti nell’arrivare sulla cima degli alberi, ma aveva il suo modo particolare di arrivarci, che era però contro le regole. Doveva sempre fermarsi dopo le lezioni e scrivere: “Imbrogliare è sbagliato”. Per il suo comportamento anomalo fu messa in una classe speciale con un Insegnante di sostegno. L’orso fu bocciato perché dicevano che era pigro, specialmente d’inverno. La sua stagione migliore era l’estate, ma allora le scuole non erano aperte e quindi non poteva praticare le attività sportive. La zebra bigiava le lezioni di motoria e faceva un sacco di assenze, perché i pony la prendevano in giro per le sue strisce e questo la rendeva molto triste. Il canguro era tra i migliori nella corsa, ma si scoraggiò quando gli dissero che doveva muoversi velocemente su quattro zampe, come facevano i suoi compagni di classe. Il pesce abbandonò la scuola perché si annoiava. Per lui tutte le materie erano la stessa cosa, ma nessuno lo capì. Lo scoiattolo ricevette un 10 in arrampicata, ma il suo Insegnante di volo lo fece partire da terra, invece che dalla cima degli alberi. Le sue gambe erano così indolenzite ad esercitarsi in quei decolli che cominciò a prendere 7 in arrampicata e 6 nella corsa. Il coniglio all’inizio correva molto veloce, ma poi fu colpito da una crisi nervosa a causa delle lezioni di nuoto e abbandonò la scuola. L’ape era il problema più grande di tutti, così l’Insegnante la mandò dallo psicologo per un consulto. Lo psicologo disse che le ali dell’ape erano troppo piccole per volare ed erano poste nel posto sbagliato. L’ape non vide mai la relazione dello psicologo e continuò ugualmente a volare. L’anguilla era brava nel nuoto, si muoveva bene, sapeva volare un poco, non era una “cima” ma faceva quasi bene tutto e di conseguenza ottenne la votazione migliore alla fine dell’anno e fu promossa. Il cane della prateria non frequentò mai la scuola perché tra le materie proposte non c’era lo scavare. Si associò con il cinghiale e fondarono una scuola privata di motoria con nuove materie e fu un grande successo. Con il passare degli anni la Scuola di Educazione Motoria e Sportiva che avrebbe dovuto risolvere i problemi motori e sportivi dell’umanità fu chiusa e tutti vissero felici e contenti, perché dell’Educazione Motoria e Sportiva non gliene importa niente a nessuno!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  

Considerazioni finali

L’anatra è il bambino che possiede scarse capacità motorie, va bene nella corsa e male in arrampicata e gli si assegnano esercizi di recupero in arrampicata, mentre i suoi compagni stanno facendo la corsa; in questo modo perde il suo vantaggio nella corsa. L’aquila è il bambino che si trasforma in un “disturbatore” perché ha il “proprio stile” di fare le cose. Anche se non sta facendo niente di male, il suo anticonformismo è percepito come un disturbo ed è per questo che spesso subisce punizioni. E’ il bambino iperattivo che deve essere seguito e ascoltato e non messo in disparte, nelle attività motorie e sportive si muove bene, ma spesso è sopra le righe. L’orso è il bambino che sta benissimo a casa coricato sul divano. Gioca a play-station, mangia di tutto e a tutte le ore, alla Scuola Calcio fa il portiere perché così si muove poco e può giocare con le macchinine che ha in tasca, quando la palla è lontana dalla porta. La zebra è il bambino insicuro, sovrappeso, basso e pochi si rendono conto che il suo insuccesso nelle attività motorie e sportive è dovuto alla sua percezione di essere socialmente inadeguato; spesso è deriso dai compagni e a volte reagisce in malo modo. Il canguro è colui che invece di insistere nei salti dove è molto bravo, rinuncia e diventa un bambino scoraggiato perché non è apprezzato, possiede grandi capacità, ma non è seguito e ascoltato e quindi dopo un po’ di tempo abbandona. Il pesce è il bambino che ha veramente bisogno di essere seguito più degli altri e non riesce a brillare perché non ha la volontà di insistere e di applicarsi. Lo scoiattolo, a differenza dell’anatra che “ce la fa”, diventa un fallimento, cambia sport continuamente, i suoi genitori credono che sia un campione, ma lui non crede nei suoi mezzi e nelle sue qualità e si scoraggia. Il coniglio è il bambino che all’inizio corre benissimo, ma siccome deve anche arrampicarsi, nuotare e volare, non lo invogliano ad applicarsi maggiormente dove lui riesce meglio e quindi abbandona lo sport. L’ape è il bambino che la Società Sportiva pensa non ce la possa fare e invece, malgrado tutto, con l’appoggio dei suoi genitori, ha abbastanza motivazioni interiori per fare bene; deve essere motivato e seguito continuamente. L’anguilla è il bambino che sa fare tutto e non si specializza in niente, però va bene così per tutti, è bravo, ma non eccelle in nessuno sport anche se possiede capacità motorie eccellenti. Il cane della prateria è il bambino che voleva fare skateboard ma i suoi genitori non hanno voluto perché è uno sport pericoloso e l’hanno iscritto ad una Scuola Calcio vicino a casa e dopo un anno ha abbandonato. Il cinghiale è il bambino ribelle, anticonformista, il padrone del mondo, che non rispetta le regole, ma è un talento che spesso perdiamo per strada.

“Caro Insegnante ascolta: i bambini sono una miscela unica di doti naturali, personalità e ingredienti che non si trovano da nessun altra parte. Alcuni bambini sono dotati intellettualmente, altri hanno la fortuna di essere dotati sul piano emotivo e sul piano motorio, sono creativi e fantasiosi, altri sono meno dotati. Ma sono tutti bambini che hanno bisogno di essere educati e seguiti da Insegnanti preparati. Ogni bambino è unico, come le sue impronte digitali e possiede la sua propria esclusiva collezione di doti naturali; un diamante scintillante di impareggiabile bellezza! Ricordati che i bambini non nascono forniti di un libretto di istruzioni. Gli Insegnanti competenti ed efficaci continuano sempre a imparare, a studiare e a personalizzare le istruzioni per i loro allievi. La meritocrazia aiuta i bambini a trovare nuovi stimoli per migliorare. Non permettere che i bambini diventino dei canguri!”

prof. Maurizio Mondoni

 

link:

https://www.basketnet.it/scuola-educazione-motoria-sportiva-prof-mondoni/

Tra stadio, palazzetto e porcili

Questo weekend appena trascorso è stato dedicato ad una sorta di tour sportivo attorno al Friuli.
Sabato sera ho accompagnato mio figlio piccolo, praticamente un Ultras del Sassuolo a vedere la partita allo stadio dei suoi beniamini… avevo fatto una promessa qualche mese fa dicendogli “ma si, visto che giocano quasi in aprile non farà freddo, se vuoi ti porto allo stadio a vedere la partita”.

Qualche giorno fa, previsioni meteo alla mano ho provato a convincerlo che il clima non sarebbe stato quello atteso ma non c’è stato verso di farlo dissuadere… una promessa è una promessa e quindi siamo andati assieme allo stadio.

Ieri invece abbiamo portato tutti e due i bambini a vedere la partita di pallacanestro (il loro sport) dell’ALMA.
Quindi Sabato a Trieste e domenica a Udine. Almeno al palazzetto non faceva freddo. Inoltre abbiamo portato anche un compagno di squadra così erano ancora più felici.

E’ stato un bellissimo weekend di sport e di freddo, perchè a Trieste la bora non risparmia, però quello che ho mi è rimasto e per cui ho deciso di scrivere questo post è stata un immagine che mi ha dato parecchio fastidio da sabato a domenica.

Ovvero le condizioni in cui a fine partita versavano sia lo stadio che il palazzetto.

Io capisco che a fine partita ci sono gli addetti ai lavori e persone pagate per pulire l’ambiente, però questo non dovrebbe giustificare il fatto di lasciare un vero porcile nel posto dove si stava seduti.

Non lo so, forse sbaglio io, forse esagero però ieri e l’altro ieri ho visto i segni di un inciviltà di base che andrebbe sottolineata perchè basterebbe veramente poco, da parte di ognuno di noi, per elevare il grado di civiltà ma sopratutto per dare un messaggio ai
tantissimi bambini che erano presenti, invece ciò che inconsapevolmente resterà nella loro mente e diventerà un gesto automatico è che allo stadio e al palazzetto si può buttare per terra qualsiasi cosa e lasciarla li, tanto ci sarà chi pulirà il nostro cesso…

 

Lettera ad un papà

Da qualche giorno nella palestra dove si allenano i miei figli hanno appeso questa lettera in bacheca…  che dire… niente, mi piaceva condividerla..

 

Lo sai papà, che quasi mi mettevo a piangere dalla rabbia, quando durante una partita ti
sei arrampicato sulla barriera di recinzione del campo, urlando contro l’arbitro?
Io non ti avevo mai visto così arrabbiato!
Forse sarà anche vero che lui (l’arbitro) ha sbagliato, ma quante volte io ho fatto degli
errori senza che tu mi dicessi niente ……………
Anche se ho perso la partita “per colpa dell’arbitro”, come dici tu, io mi sono divertito lo
stesso.
Ho ancora molte gare da giocare e sono sicuro che se non griderai più con l’arbitro
sbaglierò di meno ………
Papà, capisci, io voglio solo giocare, ti prego lasciamela questa gioia, non darmi
suggerimenti che mi fanno solo innervosire: “tira” , “passa” , “gioca duro” …. Mi hai sempre
insegnato a rispettare tutti, anche l’arbitro e gli avversari e di essere sempre educato …… e
se giocassero duro su di me quante parolacce diresti ?
Un’altra cosa, papà: quando il Coach mi sostituisce o non mi fa giocare, non arrabbiarti.
Io mi diverto anche a vedere i miei amici stando seduto in panchina. Siamo in tanti ed è
giusto far giocare tutti (come dice il Coach).
Scusami papà, ma alla fine non dire alla mamma al ritorno dalla partita “oggi ha vinto” o
“ha perso”; dille solo che mi sono divertito tanto e basta. E poi non raccontare ti prego che
ho fatto un canestro bellissimo: non è vero, papà ! Ho buttato il pallone dentro il canestro
perché il mio compagno mi ha fatto un bel passaggio e perché assieme agli altri compagni
ci siamo impegnati moltissimo; per questo abbiamo vinto (ce l’ha detto il Coach).
E ascoltami papà: al termine della partita non venire nello spogliatoio per vedere se faccio
bene la doccia e se so vestirmi; che importanza ha se mi metto la maglietta storta? Papà
devo imparare da solo! Sta sicuro che diventerò grande anche se ho la maglietta
rovesciata, ti sembra? E lascia portare a me il borsone: vedi c’è stampato sopra il nome
della mia squadra e mi fa piacere far vedere a tutti che io gioco a basket.
Non prendertela, papà, se ti ho detto queste cose, lo sai che ti voglio tanto bene……..ma
adesso è gia tardi. Devo correre in palestra per l’allenamento.
Se arrivo in ritardo il mio “Coach” non mi fa giocare la prossima volta.

Riassunto Politico degli ultimi 40 anni

Un essere umano A possiede un anguria.

Raggruppa un insieme di persone, facciamo 50 e a loro dice:

Dividerò questa anguria in due parti, parte 1 e parte 2.

A chi piace il verde darò parte 1

A chi piace il blu darò parte 2.

 

 

Un essere umano A possiede un anguria.

Raggruppa un insieme di persone, facciamo 50 e a loro dice:

Dividerò questa anguria in 4 parti, parte 1 parte 2 parte 3 e parte 4.

A chi piace il verde darò parte 1.

A chi piace il blu darò parte 2.

A chi piace il giallo darò parte 3.

A chi piace il viola darò parte 4.

 

 

Un essere umano A possiede un anguria.

Raggruppa un insieme di persone, facciamo 50 e a loro dice:

A chi piace il verde darò un arancia.

A chi piace il blu darò un limone.

A chi piace il giallo darò una pera.

A chi piace il viola darò una pesca.

 

 

Un essere umano A possiede un anguria.

Raggruppa un insieme di persone, facciamo 50 e a loro dice:

A chi piace il verde acido darò un arancia e un bastoncino di liquirizia.

A chi piace il verde olivastro darò un arancia e una foglia di basilico.

A chi piace il blu savoia darò un limone e un tozzo di burro.

A chi piace il blu mare darò un limone e una fragola.

A chi piace il giallo citrino darò una pera e un gambo di sedano.

A chi piace il giallo paglierino darò una pera una foglia di rosmarino.

A chi piace il viola darò una pesca e una pianta di rabarbaro.

A chi piace il fucsia darò una pesca e una pianta di zenzero.

 

Un essere umano A possiede un anguria.

Raggruppa un insieme di persone, facciamo 50 e a loro dice:

A chi piace il verde acido e ama i giorni di sole darò un arancia e un bastoncino di liquirizia e una foglia di basilico.

A chi piace il verde acido e ama i giorni di pioggia darò un limone e un tozzo di burro e una fragola.

A chi piace il verde acido e ama i giorni nuvolosi darò una pera una foglia di rosmarino e un tozzo di burro.

A chi piace il verde acido e se ne frega del tempo darò una pesca, una pianta di rabarbaro e un gambo di sedano.

 

 

E con una tendenza all’infinito la domanda sorge spontanea:

 

 

Di tutte quelle 50 persone nessuno si chiede nemmeno più “che fine ha fatto l’anguria???

come ci riuscite, come ci riusciamo???

 

Ma come ci riuscite, come ci riusciamo???

Mi riferisco ai fatti della ormai prof più famosa d’italia….

Mi riferisco a tutti quei commenti che arrivano da ogni dove, ma non mi riferisco ai commenti stessi ne tanto meno personalmente a chi li pubblica…

Mi riferisco a noi tutti, a noi come esseri umani, a noi come italiani, a noi come cittadini.

Mi riferisco a questa reazione quasi incondizionata, a questa azione istintiva e incontrastata, mi riferisco a questo meccanismo automatico che oggi vorrei provare a contrastare.

Sembra che ogni fatto, ogni situazione sia di una banalità e leggerezza che basta un semplicissimo commento accusatorio o difensivo non solo a risolverla ma proprio a dissolverla. Qualsiasi questione sia.

Tutti sono in grado di sostenere qualsiasi conversazione, su qualsiasi argomento e di avevre la risposta o la soluzione sempre pronta. Come ci riuscite? come ci riusciamo???

Ho preso a pretesto la prof perchè mai come in questo momento, forse complice la data importante che si avvicina, mi guardo attorno, leggo, ascolto e….
non so cosa dire….

non riesco a formulare pensieri da tradurre in parole… non riesco non perchè io non abbia un mio pensiero o una mia visione ma non riesco perchè ad ogni modo ho la sensazione che in qualsiasi caso e in qualsiasi questione ogni pensiero e ogni commento sia probabilmente troppo superficiale.

Non è così semplice!!!!! Qui siamo difronte ad una situazione che non è così banale come un tweet, un post, una foto su istagram…

La sensazione che ho io è che dovremmo fermarci tutti un attimo, riflettere in silenzio, perchè la questione non è quanto la prof sia nativa idiota o mandata in provocatoria pubblicità magari pure retribuita, non è quanto possano aver ragione quelli che dicono che esiste l’abuso di potere e quelli che difendono i principi per cui esistono persone che difendono e tutelano la loro applicabilità.

Forse siamo davvero troppo frettolosi nell’uniformare il giudizio e riassumerlo in uno schieramento di gregge che sembra più indirizzato al ingrandire i contorni dell’insieme che a valutane gli effetti.
Forse dovremmo trattenerci veramente un attimo prima di lasciare commenti, nonostante sia facilissimo farlo e probabilmente anche in qualche modo liberatorio.

Smettiamo di schierarci come “l’opinione ai tempi di un tweet” e mettiamoci nella condizioni di ascoltare e ascoltarci in un contesto più grande dell’episodio, in una visione più vasta del fatto (ci sono 2 T e non è un errore) e cerchiamo di capire quali sono gli effetti concreti e reali delle nostre parole e dei nostri pensieri e quando questi effetti possono realmente diventare fatti.

Forse dobbiamo cambiare modo di vedere, modo di pensare, o almeno avere la lungimiranza di distinguere le occasioni.. non può esistere un mondo dove tutto si descrive con un si o con un no, con un favorevole o un contrario; dove le questioni di civiltà sono legate all’individuo come esponente singolo.

Forse non siamo tutti in grado di fare sempre e comunque i giudici di ogni cosa in ogni contesto, questo non vuol dire che non possiamo avere un opinione ma che magari, a volte, prima di condividerla con il nostro parziale mondo intero, dovremmo magari rifletterci un pò su.

Forse dovremmo entrare nell’ottica che il numero di Like e condivisioni è influenzabile ed influenzato in un modo così semplice che l’incremento di quell’indice stesso potrebbe nascondere nello stesso tempo che serve per trasformare un contenuto offline in uno online una corrente di pensiero che è l’esatto opposto di quello che ci saremmo attesi.

Quindi non so, se la mia è solo confusione dettata da un rumore che diventa ogni giorno più assordante oppure una resa o un passo indietro verso questo insieme di situazioni che mi sembrano essere sempre più lontane da qualsiasi concetto di visione per il bene comune.

Infondo ci sono riuscito nuovamente anch’io, nonstante sembrava non volessi farlo, ho commentato…

Come ci riuscite? come ci riusciamo???

Il significato enorme di una parola

INTEGRITA’

 

L’essere integro, intero, intatto; lo stato di una cosa che possiede tutte le sue parti, i proprî elementi e attributi, che conserva intatta la propria unità e natura, o che non ha subìto danni, lesioni, diminuzioni quantitative o qualitative: salvaguardare l’idel territorio nazionaleverificare l’idei sigilli, controllare che siano intatti; restituire un testo alla sua i., quando ci sia giunto mutilo o alterato; difendere l’idella lingua, preservarla da contaminazione di parole straniere e sim.; osservareapplicare le leggi nella loro i., interamente, pienamente, senza eccezioni o omissioni; idi un corpo(umano), l’esser sano, illeso, atto a tutte le sue funzioni; e con riferimento allo stato di verginità della donna: idell’imeneiverginale, o assol. integrità2. In senso morale, l’essere integro, incorrotto; onestà, rettitudine assoluta: idi vitadi costumil’idei giudicidei testimonidi un funzionario. Anche, l’essere intatto, privo di colpa o di accusa: idel nomedella famadell’onore.

che conserva intatta la propria unità e natura, o che non ha subìto danni, lesioni, diminuzioni quantitative o qualitative

Che parola fantastica, oggi mi senti di dire che dovremmo avere tutti una certa ambizione nei confronti di questa parola, come se fosse un risultato da raggiungere, come se fosse un obiettivo di una vita, come se di fronte ad uno specchio quando il nostro sguardo cerca qualcosa, dovrebbe vedere anche il senso di quel termine, attraverso il nostro volto, il nostro corpo e quello che viene riflesso dovremmo cercar di vedere la nostra integrità.

Avete notato con quale forza, determinazione e anche violenza la nonna difenda il significato di quel termine?

Viviamo il presente per costruire in esso il nostro futuro