Archivi tag: ragione

Volgarità, senso e ragione

E’ la semplicità con cui scorre volgarità che mi disturba più di ogni altra cosa.

Nell’ultimo periodo scrivo poco nel blog perchè di fatto leggo anche poco, sempre meno.
Perchè??

Perchè non riesco più a farlo.

Mi è sempre piaciuto leggere e documentarmi attraverso la lettura, mi piacciono il contraddittorio e i confronti, mi piace l’opposizione perchè molto spesso da due punti di vista distanti o addirittura opposti se ne ricava almeno un terzo.

Mi piace parlare con chi non la pensa o vede come la vedo io perchè dal suo pensiero spesso traggo spunti per condire o rivalutare il mio. Ho cercato sempre di motivare il pensiero e di cercare elementi che lo sorreggano o che lo stravolgano per riuscire a dargli un peso, una sostanza.

Spesso mi capita di leggere o ascoltare confronti tra persone e di avere poi bisogno di un pò di tempo per capire la visione di entrambi o almeno per cercare di farlo, prima di formulare poi la mia personalizzazione del pensiero altrui.

Sempre più spesso però quando leggo o assisto a questi confronti l’unica cosa che sento di potermi portare via è il mio tempo, smettendo di ascoltare o di leggere.

Il confronto di pensiero, fatto o ideologia ben presto lascia spazio a diverse esibizioni di volgarità.

Espresse in varie forme, ma che tendono sempre a spostare l’attenzione dall’oggetto del confronto.

Chi usa il sarcasmo come dato oggettivo e fa leva sulla sua presunta ironia per auto decretarsi superiore all’altra persona

Chi usa la saccenza come dato inconfutabile e fa leva sulla sua personalità dominante per auto decretarsi superiore all’altra persona

Chi usa le certificazioni come dato si suprema sovranità e fa leva sui decibel o sui follower per autodecretarsi superiore all’altra persona

Chi non ha nessun elemento se non che la volgarità espressiva e fa leva sull’insensatezza per auto decretarsi superiore all’altra persona almeno in un confronto vocale o da tastiera.

Poi c’è chi interviene in difesa o accusa di uno o dell’altro e che quindi automaticamente ne assume i gradi di appartenente o meno e che molto spesso non conosce nemmeno il contesto originale.

C’è chi prova ad inserirsi aggiungendo elementi interessanti del contesto  e viene ignorato da entrambi gli schieramenti perchè chi si estranea dalla lotta….

Moltissimi di loro nelle loro gare d’appalto si dimentica presto dell’argomento per andare a ricercare dal privato al sociale ragioni per sentirsi migliore della persona che si trovano difronte come se questa sorta di giudizio universale auto decretato potesse trasformare ogni loro pensiero in verità assoluta ed incontestabile.

Inizi con il trovare un titolo, un argomento, una questione che ti può interessare e finisci dopo pochissimo per assistere ad una sorta di videogioco virtuale in cui vince chi si insulta meglio o chi raccoglie più consensi pubblici. Figata.

La cosa più triste che questo gioco da un semi solitario diventa un gioco di società dal sicuro successo sociale praticamente immediato.

 

E allora di primo istinto rimango così:

senza nulla da dire, senza forza e voglia di scrivere

 

Perchè è vero che la vita non va presa sempre troppo sul serio, che la leggerezza è anche una qualità molto positiva, ma dovrebbe esserlo almeno altrettanto è che in certi casi non si può pensare che la leggerezza sia sempre la soluzione.

E allora non ti resta che pensare, deviare l’attenzione e aspettare che quel fuoco, quella passione quella voglia di comunicare e confrontarti con gli altri torni a farsi sentire, infondo nessuno ti obbliga a farlo, lo fai perchè ti fa piacere e perchè nel farlo ci vedi
un senso, una ragione.

Annunci