Tra stadio, palazzetto e porcili

Questo weekend appena trascorso è stato dedicato ad una sorta di tour sportivo attorno al Friuli.
Sabato sera ho accompagnato mio figlio piccolo, praticamente un Ultras del Sassuolo a vedere la partita allo stadio dei suoi beniamini… avevo fatto una promessa qualche mese fa dicendogli “ma si, visto che giocano quasi in aprile non farà freddo, se vuoi ti porto allo stadio a vedere la partita”.

Qualche giorno fa, previsioni meteo alla mano ho provato a convincerlo che il clima non sarebbe stato quello atteso ma non c’è stato verso di farlo dissuadere… una promessa è una promessa e quindi siamo andati assieme allo stadio.

Ieri invece abbiamo portato tutti e due i bambini a vedere la partita di pallacanestro (il loro sport) dell’ALMA.
Quindi Sabato a Trieste e domenica a Udine. Almeno al palazzetto non faceva freddo. Inoltre abbiamo portato anche un compagno di squadra così erano ancora più felici.

E’ stato un bellissimo weekend di sport e di freddo, perchè a Trieste la bora non risparmia, però quello che ho mi è rimasto e per cui ho deciso di scrivere questo post è stata un immagine che mi ha dato parecchio fastidio da sabato a domenica.

Ovvero le condizioni in cui a fine partita versavano sia lo stadio che il palazzetto.

Io capisco che a fine partita ci sono gli addetti ai lavori e persone pagate per pulire l’ambiente, però questo non dovrebbe giustificare il fatto di lasciare un vero porcile nel posto dove si stava seduti.

Non lo so, forse sbaglio io, forse esagero però ieri e l’altro ieri ho visto i segni di un inciviltà di base che andrebbe sottolineata perchè basterebbe veramente poco, da parte di ognuno di noi, per elevare il grado di civiltà ma sopratutto per dare un messaggio ai
tantissimi bambini che erano presenti, invece ciò che inconsapevolmente resterà nella loro mente e diventerà un gesto automatico è che allo stadio e al palazzetto si può buttare per terra qualsiasi cosa e lasciarla li, tanto ci sarà chi pulirà il nostro cesso…

 

Annunci

Lettera ad un papà

Da qualche giorno nella palestra dove si allenano i miei figli hanno appeso questa lettera in bacheca…  che dire… niente, mi piaceva condividerla..

 

Lo sai papà, che quasi mi mettevo a piangere dalla rabbia, quando durante una partita ti
sei arrampicato sulla barriera di recinzione del campo, urlando contro l’arbitro?
Io non ti avevo mai visto così arrabbiato!
Forse sarà anche vero che lui (l’arbitro) ha sbagliato, ma quante volte io ho fatto degli
errori senza che tu mi dicessi niente ……………
Anche se ho perso la partita “per colpa dell’arbitro”, come dici tu, io mi sono divertito lo
stesso.
Ho ancora molte gare da giocare e sono sicuro che se non griderai più con l’arbitro
sbaglierò di meno ………
Papà, capisci, io voglio solo giocare, ti prego lasciamela questa gioia, non darmi
suggerimenti che mi fanno solo innervosire: “tira” , “passa” , “gioca duro” …. Mi hai sempre
insegnato a rispettare tutti, anche l’arbitro e gli avversari e di essere sempre educato …… e
se giocassero duro su di me quante parolacce diresti ?
Un’altra cosa, papà: quando il Coach mi sostituisce o non mi fa giocare, non arrabbiarti.
Io mi diverto anche a vedere i miei amici stando seduto in panchina. Siamo in tanti ed è
giusto far giocare tutti (come dice il Coach).
Scusami papà, ma alla fine non dire alla mamma al ritorno dalla partita “oggi ha vinto” o
“ha perso”; dille solo che mi sono divertito tanto e basta. E poi non raccontare ti prego che
ho fatto un canestro bellissimo: non è vero, papà ! Ho buttato il pallone dentro il canestro
perché il mio compagno mi ha fatto un bel passaggio e perché assieme agli altri compagni
ci siamo impegnati moltissimo; per questo abbiamo vinto (ce l’ha detto il Coach).
E ascoltami papà: al termine della partita non venire nello spogliatoio per vedere se faccio
bene la doccia e se so vestirmi; che importanza ha se mi metto la maglietta storta? Papà
devo imparare da solo! Sta sicuro che diventerò grande anche se ho la maglietta
rovesciata, ti sembra? E lascia portare a me il borsone: vedi c’è stampato sopra il nome
della mia squadra e mi fa piacere far vedere a tutti che io gioco a basket.
Non prendertela, papà, se ti ho detto queste cose, lo sai che ti voglio tanto bene……..ma
adesso è gia tardi. Devo correre in palestra per l’allenamento.
Se arrivo in ritardo il mio “Coach” non mi fa giocare la prossima volta.

Riassunto Politico degli ultimi 40 anni

Un essere umano A possiede un anguria.

Raggruppa un insieme di persone, facciamo 50 e a loro dice:

Dividerò questa anguria in due parti, parte 1 e parte 2.

A chi piace il verde darò parte 1

A chi piace il blu darò parte 2.

 

 

Un essere umano A possiede un anguria.

Raggruppa un insieme di persone, facciamo 50 e a loro dice:

Dividerò questa anguria in 4 parti, parte 1 parte 2 parte 3 e parte 4.

A chi piace il verde darò parte 1.

A chi piace il blu darò parte 2.

A chi piace il giallo darò parte 3.

A chi piace il viola darò parte 4.

 

 

Un essere umano A possiede un anguria.

Raggruppa un insieme di persone, facciamo 50 e a loro dice:

A chi piace il verde darò un arancia.

A chi piace il blu darò un limone.

A chi piace il giallo darò una pera.

A chi piace il viola darò una pesca.

 

 

Un essere umano A possiede un anguria.

Raggruppa un insieme di persone, facciamo 50 e a loro dice:

A chi piace il verde acido darò un arancia e un bastoncino di liquirizia.

A chi piace il verde olivastro darò un arancia e una foglia di basilico.

A chi piace il blu savoia darò un limone e un tozzo di burro.

A chi piace il blu mare darò un limone e una fragola.

A chi piace il giallo citrino darò una pera e un gambo di sedano.

A chi piace il giallo paglierino darò una pera una foglia di rosmarino.

A chi piace il viola darò una pesca e una pianta di rabarbaro.

A chi piace il fucsia darò una pesca e una pianta di zenzero.

 

Un essere umano A possiede un anguria.

Raggruppa un insieme di persone, facciamo 50 e a loro dice:

A chi piace il verde acido e ama i giorni di sole darò un arancia e un bastoncino di liquirizia e una foglia di basilico.

A chi piace il verde acido e ama i giorni di pioggia darò un limone e un tozzo di burro e una fragola.

A chi piace il verde acido e ama i giorni nuvolosi darò una pera una foglia di rosmarino e un tozzo di burro.

A chi piace il verde acido e se ne frega del tempo darò una pesca, una pianta di rabarbaro e un gambo di sedano.

 

 

E con una tendenza all’infinito la domanda sorge spontanea:

 

 

Di tutte quelle 50 persone nessuno si chiede nemmeno più “che fine ha fatto l’anguria???