Archivi categoria: Blog Life

Proteggere la propria integrità: forse è un illusione, forse no

Vieni qui e tocca i miei pensieri con i tuoi
sentirai che io rispetto a te
sono più fragile

Si, mi difendo sai
Ma mai da te

canta Grignani alla radio…

e ascoltando questa canzone mentre guidavo tornando a casa dal lavoro
sulla strada le luci delle auto a donar colori al buio,
non è tardissimo ma fa già buio…

sono le 18, è inverno.. fa freddo…

la guida e la musica però escludono ogni altra cosa e veicolano i miei pensieri…

bello ciò che dice perchè parla di una persona che confessa una debolezza che maschera magari sotto un aria arrogante ed aggressiva.. perchè ci sono gli arroganti e aggressivi per indole e ci sono quelli che semplicemente hanno trovato questo modo di difendersi… bello perchè
è bello rendersene conto da protagonisti oppure da vittime, è un passo in profondità..

bello ciò che dice perchè oltre alla consapevolezza di quanto scritto prima c’è la resa e la confessione verso qualcosa di evidentemente più forte dell’orgoglio verso se stessi, dello stereotipo dell’uomo che non deve chiedere mai, di quello che se piange e si emoziona allora non è vero uomo…

bello ciò che dice perchè, se veramente sincero, è un enorme dichiarazione d’amore che probabilmente non costa poco in termini di sforzo psichico e morale, è una dichiarazione di fiducia e di abbandono, allo stesso tempo
è un evidenza di valore e importanza.. è emozione, è bisogno, è sentimento.
tutto questo mi ha fatto pensare che io non potrei mai scrivere le stesse parole..

 

non è nel mio modo di vivere, di affrontare la vita… trovo quelle parole molto belle, meravigliose per certi versi nella loro possibile applicazione ma non potrei mai farle mie, non senza mentire principalmente a me stesso.

Si, perchè c’è una parte di me, che penso di definire la più profonda che io sento di difendere nel senso che ho la sensazione di metterci la volontà a custodirla, a tenerla nascosta, da sempre, da tutti… non credo sia
mancanza di fiducia nel prossimo perchè consiglierei di fare lo stesso a tutti, ma sarebbe un consiglio spassionato mai una forma di costrizione, perchè per essere valido è indispensabile che di fondo ci sia sotto la stessa filosofia.

Dicevo c’è una parte di me che difendo o almeno che mi sembra di difendere tenendola lontana da tutto e tutti..
è una parte di sfumature, è una parte di pensiero, di sensazioni.. è una parte che evolve con l’evolvere della mia vita la sua integrità e la sua purezza (almeno quello è il suo riflesso alla mia anima) è garantita soltanto se priva di contaminazioni… che poi priva non potrà mai esserlo, ma mi piace crederlo…

quella parte di me è solo mia, non l’ho mai condivisa con nessuno, ne mamma ne papà, ne nonni o zii che forse in alcuni tratti della mia vita mi son stati più vicino di chi avrebbe dovuto esserlo per status civile, ne moglie ne figli che sono i più grandi valori della mia vita ad oggi.. nemmeno a loro perchè questo è il modo migliore per poter garantire a loro il mio me stesso più vero.

Io, per alcuni aspetti, mi difendo da tutto e tutti, mi proteggo da tutto e tutti, e forse questo è il mio modo per poter dare ciò che do, per poter donare ciò che dono e per poter ricevere ciò che ricevo..

difendo le mie emozioni e i miei sentimenti, non li imprigiono ma li difendo o provo a farlo, perchè così forse non sono costretto
a reprimerli.

Non penso a grandi cose, non penso a grosse cose da nascondere e non fatelo nemmeno voi, quello che voglio dire è che penso che ognuno di noi infondo protegga parte di se, chi più chi meno.

Proteggersi a volte può equivalere a non vivere o a reprimere, liberare a volte può portare a rischio e dolore, come in ogni cosa su questo pianeta ci vuole equilibrio, non so se io ho equilibrio o meno, non ho ricette ne consigli, questo post non vuole prendere quella direzione…

ho però la sensazione che proteggere ciò che da origine ai nostri pensieri, sentimenti, azioni e riflessioni sia importante perchè è la parte più unica di noi, quella che non controlliamo ne governiamo, ma quella che a metà tra conscio e inconscio possiamo perfino far morire…

 

molti di voi qui ci hanno messo da sempre la faccia, io ce la metto da ora perchè per una volta, in questo momento nella mia vita, penso che non sia l’identità da tutelare e/o nascondere ma la nostra più vera essenza.

Ancora sui giochi (un pò più per adulti) VM P.e.A.

Sempre in tema di giochi, questa volta probabilmente più per adulti,
ma interessante anche da fare con bambini grandicelli…

io adorando i giochi in scatola volevo segnalarvi il mio preferito degli
ultimi anni… che è senza alcun dubbio

DIXIT

IMG_2193 copy
lo conoscete???

è un gioco che adoro, che mi ha fatto trascorrere tante serate divertenti
e popolato tante notti pre addormentamento a viaggiare con i pensieri…

si si, ho scritto che è un gioco per adulti, ho scritto che mi ha fatto tascorrere
serate divertenti, e notti pre addormentamento a viaggiare con i pensieri…

nessuno di voi avrà collegato tutto ciò al fantastico e dirompente attualissimo mondo del sesso credo…

anche perchè nel titolo è espresso chiaro un divieto…

eppure un coinvolgimento intricato potrebbe pure starci
perchè per me questo gioco e puro erotismo per la mente..

Queste sono le regole:
Un giocatore è il narratore per il turno. Egli guarda le 6 carte raffiguranti che ha in mano.
Da una di queste, inventa una frase che dice ad alta voce (senza mostrare la carta per gli altri giocatori).
Gli altri giocatori selezionano tra le loro 6 carte quella che si adatta meglio alla frase creata dal narratore.
Poi, ognuno di loro consegna la carta selezionata al narratore, senza mostrarla agli altri.
Il narratore rimescola la sua carta con tutte le carte ricevute.
Tutte le immagini vengono disposte a faccia in su dal narratore, in modo casuale, e ogni giocatore deve scommettere
a quale carta si è ispirato il narratore nel creare la frase. Se nessuno o tutti trovano l’immagine corretta,
il narratore riceverà zero punti, mentre i giocatori 2 punti. In caso contrario, il narratore e colui che ha indicato
la carta corretta riceveranno 3 punti. I giocatori ottengono poi 1 punto per ogni voto ottenuto dalla loro immagine.
Il gioco finisce quando il mazzo è vuoto. Il giocatore con un punteggio totale maggiore vince la partita.

Questo lo scopo:
Lo scopo del gioco è riuscire ad indovinare la carta a cui il narratore si è ispirato per formulare la frase detta
a tutti. Più volte si indovina la carta più punti si ottengono per la vittoria finale raggiunta dal punteggio più
alto.

Ovviamente questo grandilinee ci sono altre regole che lo rendono ancora più divertente…

Perchè questo gioco mi piace così tanto da definirlo erotico per la mente???

Beh, perchè per come lo vivo mio è un gioco di empatia pura… se i giocatori che partecipano non usano il loro
lato d’azzardo ma il loro lato di creatività allora le frasi che la loro mente può produrre sono stimolanti per un sacco
di pensieri.

E’ bello cercare di capire il senso della frase pronunciata, trovare il modo per associarla alle tue carte, vedere cosa
pensano gli altri concorrenti… è un altro modo per consocersi e molto spesso per consocere anche lati nascosti
o meno lampanti delle persone che ti circondano…

e poi la bellezza delle carte, la bellezza dei pensieri che alimentano..

insomma ogni volta mi ci perdo nella partita e in ciò che da essa posso trarre…

ci sono persone e menti che ti stupiscono, altri che riesci a decifrare all’istante, alcuni che anche volendo non capirai mai

e poi c’è sempre la domanda da applicare a tutti gli stati appena descritti… perchè????

impossibile non trovarlo affascinante, stimolante…

giochiamo?? :)))

Bambini e regali

Probabilmente nel mio blog non ho mai parlato di questa cosa…

non sopporto i giocattoli per bambini… o meglio…

solitamente girare per gli scaffali dei supermercati nel reparto giocattoli
mi indispettisce…

o meglio ancora, mi fa piacere vedere i bambini correre su e giù eccitati alla visione di quel
mondo infinito di suoni, colori, materiali

ma quando si tratta di scegliere un gioco per i miei figli oppure un regalo di compleanno per
i loro amici, per quelli più stretti almeno, in un angolo della mia mente mi sale lo sconforto…

la maggior parte di quei giochi sono o un ammasso di plastica che a breve si romperà, oppure le copie di giochi di vent’anni fa con una piccola modifica sui personaggi.. raramente trovo qualcosa che mi colpisce per innovazione, fantasia o stimoli che può fornire ai nostri bambini…

Esitono ovviamente e fortunatamente negozi che trattano prodotti dedicati ai bambini e costruiti
pensando al loro bene e non alla propria soppravivenza economica.. ma diciamo che nel mercato globale sono esempi di minoranza.

Quindi mi piaceva lasciare qui per voi un idea regalo che magari in molti conoscete già ma che può essere qualcosa di carino anche per “unire” la famiglia e un produttore di idee che cura anche l’aspetto mentale e manuale con tantissime idee anceh per i più piccoli.. e per quei genitori che credono nell’aspetto educativo del giocare assieme ai propri figli.

Il primo è un regalo che abbiamo fatto diverse volte ed è questo:

I Rory’s Story Cubes

cubi-storie

In pratica una serie di dadi con raffigurati diversi soggetti (divise per macro argomento in ogni confezione) che vanno tirati sul tavolo e usati come spunto per inventare una storia…

le varianti possono essere davvero molte, si possono creare storie vocali, fumetti, si può creare una storia combinando un pezzo per ogni partecipante, usarli per recitare ecc ecc…

l’idea è coinvolgente perchè fornisce quello spunto necessario ad azionare la fantasia anche per i bambini meno liberi e sognatori…
il secondo è il catalogo o sito di http://www.opitec.it dal quale si può richiedere il catalogo…

oltre le cose di bricolage e docoupage principalmente dedicate alle signore, c’è una sezione molto bella di giochi e idee per bambini… che ne stimolano la manualità e li indirizzano a concetti di fisica, meccanica, elettronica.. e i prezzi sono secondo me a portata
Ecco ci tenevo a condividere con voi questi spunti e magari di conoscere il vostro pensiero e magari le vostre fonti… se vi va…

Campeggio e Relax a Rovigno

Dopo qualche anno siamo tornati a vivere l’esperienza del campeggio che per altro io adoro.

Complice un offerta non prevista abbiamo cambiato la nostra tenda (che da coppia era perfetta ma da nucleo di 4 persone molto meno) e senza previsioni siamo partiti nei primi 4 giorni utili…

Con una piccola parte di dubbio per la reazione dei piccoli alla vita di campeggio abbiamo deciso di andare a Rovigno in Croazia, un pò perchè raggiungibile in poco tempo da casa e un pò perchè conoscendo bene il territorio era la meta vicina che ci sembrava migliore per vivere quest’esperienza.

Io ho sempre adorato il campeggio e ho sempre pensato che sia molto educativo per i bambini…

l’esperienza è andata benissimo, loro erano entusiasti e sono stati bravissimi

è stato molto rilassante e rigenerante per me, 4 giorni senza notizie, tv, cellulari, computer…

sono rilassato e felice, e quindi vi lascio qui ciò che in questo momento meglio descrive il mio stato d’animo..

Rovigno -17 Rovigno -83 Rovigno -85 Rovigno -148 Rovigno -192 Rovigno -248 Rovigno -336 Rovigno -351 Rovigno -383 Rovigno -387 Rovigno -388 Rovigno -392 Rovigno -408 Rovigno -429 Rovigno -450 Rovigno -480

Lo spettacolo delle Frecce…

Ieri a Grado abbiamo ammirato questo, e ci tenevo a rendervi partecipi anche se in piccola parte (@kikka dedica particolare a te e tuo figlio, pensavo di trovarvi tra il pubblico) :

Frecce a grado -113 Frecce a grado -120 Frecce a grado -137 Frecce a grado -145 Frecce a grado -147 Frecce a grado -155 Frecce a grado -157 Frecce a grado -160 Frecce a grado -163 Frecce a grado -165 Frecce a grado -169 Frecce a grado -171 Frecce a grado -172 Frecce a grado -174 Frecce a grado -183 Frecce a grado -186 Frecce a grado -190 Frecce a grado -191 Frecce a grado -195 Frecce a grado -202

per chi vive dalle mie parti magari non è una novità assoluta, capita spesso infatti che quando vado a lavorare nella sede in provincia di Udine, lungo la strada, di imbattersi negli allenamenti delle frecce, però al gran completo sono sempre spettacolari…

Liebster award

wpid-screenshot_2015-07-17-19-00-32-1

Eccomi qua ad adempire al compito assegnatomi da heipenny del blog https://ilmondodelleparole.wordpress.com

Le domade poste e le risposte:

Qui sotto il regolamento da seguire:
– usare l’immagine sopra riportata
– rispondere alle 10 domande
– nominare altri 10 dieci blog e avvisarli
– porre 10 domande a questi blogger.
1. Il vostro più bel ricordo?

Beh, io credo che a questa domanda bisognerebbe rispondere più o meno ogni giorno della nostra vita,
oggi può essere uno, domani un altro, dopodomani lo stesso del primo giorno, tra tre giorni uno non
ancora citato… il mio rapporto con la memoria è molto libero per lei.. io assecondo…
in questo preciso istante mi viene in mente una notte di ritorno da una festa paesana, in bicicletta
con i miei migliori amici, a cantare (forse meglio urlare) per le strade di campagna “Twist and Shout”.
In se il ricordo potrebbe anche sembrare banale e stupido, ma quella sera in quel preciso istante, in quelle
urla, in quel sentimento di libertà che avevamo sulla pelle, in quell’unità che ci legava e che resiste ancora
oggi, c’era forse il riassunto delle nostre vite, del nostro passato e del nostro futuro.. straripava da noi
quel legame potentissimo che è l’amicizia, che non si pone domande che non cerca risposte, che esiste e basta..
che da per sempre qualcosa di speciale…

2. Se potessi cambiare casa, dove andresti ad abitare?

Premettendo che in termini assoluti si può quasi sempre cambiare casa, direi che potendo farlo con semplicità e
senza controindicazioni, beh, farei qualcosa di questo tipo: cambierei totalmente caratteristiche geografiche
ogni 5 / 10 anni… quindi ora poniamo che vivo in un paesetto, vivrei 5 anni in una grande città, 5 in un montagna,
5 al mare, 5 in riva ad un lago, 5 vicino ad un bosco,5 su un albero, 5 sotto un vulcano, 5 in una barca, 5 su un camper itinerante..
poi beh… non so quanti altri 5 potrei aver davanti..

3. Se potessi entrare in un film e viverlo, quale film sceglieresti?

Senza nessun ombra di dubbio “Elizabethown”

4. Immagina di poterti trasformare in un animale: quale animale diventeresti?

Mi piace pensare alla pantera nera, per la sua atleticità, per il suo essere elegante, per la sua vita
fatta di astuzia.. per quegli occhi su quello sfondo nero…

5. Una persona con cui puoi parlare davvero di tutto?

beh, su questo devo confessare un “segreto d’infanzia”… nel senso che uno dei miei sogni è sempre stato quello di incontrare prima o poi nella mia vita una persona con cui parlare di tutto… immaginavo una figura di un vecchio saggio, con barba e bastone, di quelli che vivono ai piedi delle montagne raccontati in tante storie… alla fine questa esperienza di blogger ha in parte colmato questo desiderio, nel senso che ho incrociato un sacco di persone e parlato di un sacco di cose.. quindi ho incontrato più un luogo che una persona… però chissà magari in futuro…

aggiungo sempre “in confidenza” che probabilmente alla fine sono io quello che non è ancora pronto a parlare di tutto, ci sono certi lati di me che tengo oscuri anche a me stesso e probabilmente per poter parlare di tutto con qualcuno bisogna anche esser pronti e disposti a farlo a nostra volta… in alcuni casi mi sento ancora molto legato alle mie paure, e credendo molto nel destino forse il mio incontro portà avvenire solo se riuscirò a superare queste paure..
6. Se vincessi un milione di euro, per cosa li impiegheresti?

beh, ci sono due cose che farei con un pò di soldi a disposizione… la prima è “inventarmi un attività” perchè ho sempre pensato che lavorare sia un modo per valorizzarsi, per dare un senso a molto del nostro tempo, per mettersi in discussione, conoscere, conoscere e ancora conoscere persone, argomenti, situazioni…
la seconda è rispondere un pò con i fatti alla domanda 2 e viaggiare, perchè sono convinto che nulla può “arricchirti” come il viaggiare, vedere e conoscere… non necessariamente persone..
7. Il regalo più bello che hai ricevuto?

Questa domanda mi mette molto in difficoltà, nel senso che ho sempre avuto problemi a ricevere i regali, a liberare le mie sensazioni verso il regalo o verso chi me l’ha fatto… preferivo che l’attenzione venisse distolta da me nel minor tempo possibile, preferivo tenere private le mie sensazioni… quindi diciamo che ritenendolo un dono, a fronte delle mia vita, direi la malattia di mia madre.
8. Se potessi conoscere un personaggio famoso, chi vorresti incontrare?

Non saprei scegliere, perchè di quelli famosi conosciamo il loro lato famoso ma non il loro vero io,
in ogni caso mi verrebbe da dire qualcuno che è stato famoso ma che ora è dimenticato… ho la sensazione
che avrebbe cose molto interessanti da raccontare…
9. Un sogno ancora da realizzare?

ne ho a centinaia, potrei scrivere per ore… te ne racconto uno su tanti, poter arrivare ad un determinato punto della mia vita in cui i miei figli sono autonomi e sereni nelle loro vite, e io con mia moglie possiamo vendere la casa e tutto ciò che abbiamo, e salute permettendo, possiamo dedicare il tempo che ci rimane a viaggiare intorno al mondo e vivere di ciò che il viaggio ci potrà dare…

10. A quale di queste domande hai preferito rispondere?

a tutte, attraverso le domande mi conosco, mi interrogo, mi scopro.. rispondo sempre volentieri alle domande, di ogni tipo… 🙂

non nomino perchè molti di quelli che nominerei sono già stati nominati in passato recente o meno, lascio in ogni caso le mie domande così chi vorrà rispondere potrà farlo qui o a “casa sua” :

1) in una foto o ritratto, come ti piace vedere il volto di una persona?

2) osservando un albero che si contorce per la forza del vento, quali sensazioni provi?

3) quando decidi che vuoi sentirti meglio, qual’è la prima cosa che fai?

4) cos’è un ingiustizia?

5) se vedi unite in armonia persone di razze diverse… sorridi, ti stranisci, ti soffermi o …..

6) racconta una tua particolarità o gesto anticonformista

7) cos’è la professionalità?

8) In base a quali criteri scegli quale abbigliamento o colori indossare

9) qual’è l’abitudine, la routine o la cosa che più di ogni altra ti fa sentire libero/a?

10) se ti guardi allo specchio vedi.. e/o vorresti vedere…