di Pensieri statici

Ed è così che in questi giorni tra panico e fastidio sembra che il tempo stia perdendo di significato.
Mi sono sempre fatto molte domande e ho sempre cercato mille risposte alle stesse domande, risposte che potessero contrastare con la prima che davo d’impulso.
Questo giochino mi ha sempre portato ad analizzare ciò che mi succedeva attorno dal mio punto di vista in prima battuta ma immediatamente dopo da quello di tante altre persone immaginarie che pensavo potessero vederla e pensarla in modo diverso.

In questi giorni particolarmente ma negli ultimi mesi questa attitudine abitudine si è inceppata drasticamente, le domande arrivano ma manca la voglia di risposte, di cercarle di darle di pensare che siano in qualche modo interessanti e utili.

Forse complici i due anni di grandissimo impegno (che avevo ovviamente sottostimato) che la vita dedicata allo sport per i ragazzi mi ha posto davanti. Un impegno che fino ad oggi (o a qualche settimana fa a volerla raccontar bene) è stato principalmente un piacere, stancante ma una gran bella gioia.

Ora da un paio di settimane (un paio d’ore per una buona media di illuminati e standardizzati italiani) tutto si è fermato, così, senza avviso, bruscamente. Nel senso di chaos generale, nel modo che non ti permette anche volendo facili riflessioni. Difficile trarre conclusioni che possano avere un senso concreto in assenza di elementi certi e se vogliamo anche di precedenti.

Non scrivo da tempo ma non ho mai smesso di leggere, e forse, proprio ciò che leggevo mi impediva di scrivere. C’è stato un tempo in cui ciò che leggevo mi illuminava, mi apriva occhi e pensieri.. ora tra lavoro e vita generale sono un po’ nella situazione opposta. Periodi, mi dico sempre;
la vita dev’essere un po’ come il flusso delle onde, delle maree… ci sono momenti e momenti.

Quello che ci sta succedendo ora dovrebbe portarci a fermarci anche mentalmente un attimo, ad osservare, pensare e riflettere molto prima di portarci a parlare. Io sento che la mia anima ora è in silenzio.

Però tra le tante cose che ho letto ed ascoltato ora alcuni pensieri iniziano a girarmi per la testa, stanno iniziando a germogliare nuove domande che stanno a loro volta facendo sbocciare alcune nuove risposte.

Tra tutte, in ordine sparso, questi i primissimi pensieri dopo un periodo terribilmente arido.

Ci sorgerà il dubbio che probabilmente nel modello sociale ed economico che stavamo utilizzando come filo conduttore della nostra società c’è probabilmente qualcosa che non funziona più come prima??? Osserviamo quello che è successo nelle ultime settimane, senza dare la colpa a singole persone ma osservando la società in generale forse c’è qualcosa da rivedere?? Io mi sento responsabile come istruttore sportivo di diversi gruppi di bambini prima ancora del loro andamento sportivo di quello sociale.

Perché è vero che i genitori ci affidano i loro ragazzi per svariati motivi, ma lo è altrettanto che in un futuro prossimo questi ragazzi probabilmente non faranno lo sport che stanno facendo assieme a noi ad un livello tale da potersi mantenere o forse non lo faranno proprio più ma lo è altrettanto che il nostro compito in questo momento non è quello di formare degli atleti ma di formare prima di tutto dei ragazzi e delle ragazze che domani vivranno nella società che loro formeranno e i valori che noi cercheremo di trasmettere loro saranno quelli che avranno un impatto importante su questo disegno che faranno.

Lo sport per sua natura insegna la costanza, il sacrificio, la determinazione, il rispetto, la caduta, il rialzarsi, la vittoria e la sconfitta, la vita vera non è forse fatta degli stessi elementi?
Cosa centra questo con il modello economico e sociale?? Beh, tutto a mio modo di vedere, non lo determina ma potrebbe anche farlo.
Ridare peso ai valori nei percorsi educativi dei nostri ragazzi e ragazze, forse, è la cosa più concreta che noi adulti possiamo fare nei confronti non solo dei giovani ma anche in quelli dei nostri padri e nonni e della vita che stiamo vivendo.

Ci sorgerà il dubbio che ci stiamo arrabbiando troppo con tutti e troppo facilmente?? Siamo sempre pronti ad additare gli sbagli degli altri, siamo sempre in prima linea a dire a parole l’opposto di quello che sentiamo, che vediamo, che viene fatto ma quasi mai siamo disposti a seguire le nostre parole con i nostri fatti.

 

Siamo sempre pronti a non giustificare un errore di un’altra persona e anzi che cercare di rimediare dove possibile poniamo tutta l’attenzione sull’errore con il solo risultato di fossilizzare il tempo e la spazio su di esso, ma non siamo mai altrettanto pronti e decisi ad assumere la nostra responsabilità su un nostro errore. Se sbagliamo noi o non era importante oppure la colpa e la responsabilità è sempre destinata ad un’altra direzione o a fattori astrali come se sbagliare non fosse più umano.
Ci sorgerà il dubbio che ora che siamo costretti a casa, forse dovremmo essere tutti un po’ più sereni e consapevoli di quanta meraviglia abbiamo attorno che forse non è così scontata e dovuta come ormai siamo portati a pensare??? E allora ripenso a cosa si prova se si libera la mente per un attimo dai mille pensieri quando si passeggia in montagna o in riva al mare, quando si corre su un prato o quando ci si ferma a fare un selfie su uno sfondo meraviglioso di un qualsiasi paesaggio naturale o monumento artistico, cosa rende così speciali questi momenti???

Non siamo noi, è ciò che ci circonda ed è ciò che ci circonda a farci sentire migliori.
In quei momenti non pensiamo alle discariche o ai fumi delle ciminiere, non ci facciamo i selfie negli scarichi abusivi e allora perché non riusciamo a rispettarci e a dare il giusto credito al nostro prossimo??

Dobbiamo cercare di sfruttare questo momento per capire come far rivivere il sentimento, è un bene essenziale che necessita di determinate condizioni per poter esistere, queste condizioni sono frutto delle nostre scelte e non cerchiamo scuse, sono le nostre scelte a determinare il nostro presente e di conseguenza il nostro futuro.

2 pensieri riguardo “di Pensieri statici”

  1. Ciao Erik ben ritornato 🙂

    Giuste riflessioni alle quali è difficile trovare delle risposte. Il fatto è che una società in veloce mutamento: tutto si muove velocemente e non si ha il tempo di sedimentare sentimenti e comportamenti.

    Chissà davvero che questo momento così particolare e terribile, non porti a rifletterci su…

    Speriamo bene
    un caro saluto
    .marta

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...