come ci riuscite, come ci riusciamo???

 

Ma come ci riuscite, come ci riusciamo???

Mi riferisco ai fatti della ormai prof più famosa d’italia….

Mi riferisco a tutti quei commenti che arrivano da ogni dove, ma non mi riferisco ai commenti stessi ne tanto meno personalmente a chi li pubblica…

Mi riferisco a noi tutti, a noi come esseri umani, a noi come italiani, a noi come cittadini.

Mi riferisco a questa reazione quasi incondizionata, a questa azione istintiva e incontrastata, mi riferisco a questo meccanismo automatico che oggi vorrei provare a contrastare.

Sembra che ogni fatto, ogni situazione sia di una banalità e leggerezza che basta un semplicissimo commento accusatorio o difensivo non solo a risolverla ma proprio a dissolverla. Qualsiasi questione sia.

Tutti sono in grado di sostenere qualsiasi conversazione, su qualsiasi argomento e di avevre la risposta o la soluzione sempre pronta. Come ci riuscite? come ci riusciamo???

Ho preso a pretesto la prof perchè mai come in questo momento, forse complice la data importante che si avvicina, mi guardo attorno, leggo, ascolto e….
non so cosa dire….

non riesco a formulare pensieri da tradurre in parole… non riesco non perchè io non abbia un mio pensiero o una mia visione ma non riesco perchè ad ogni modo ho la sensazione che in qualsiasi caso e in qualsiasi questione ogni pensiero e ogni commento sia probabilmente troppo superficiale.

Non è così semplice!!!!! Qui siamo difronte ad una situazione che non è così banale come un tweet, un post, una foto su istagram…

La sensazione che ho io è che dovremmo fermarci tutti un attimo, riflettere in silenzio, perchè la questione non è quanto la prof sia nativa idiota o mandata in provocatoria pubblicità magari pure retribuita, non è quanto possano aver ragione quelli che dicono che esiste l’abuso di potere e quelli che difendono i principi per cui esistono persone che difendono e tutelano la loro applicabilità.

Forse siamo davvero troppo frettolosi nell’uniformare il giudizio e riassumerlo in uno schieramento di gregge che sembra più indirizzato al ingrandire i contorni dell’insieme che a valutane gli effetti.
Forse dovremmo trattenerci veramente un attimo prima di lasciare commenti, nonostante sia facilissimo farlo e probabilmente anche in qualche modo liberatorio.

Smettiamo di schierarci come “l’opinione ai tempi di un tweet” e mettiamoci nella condizioni di ascoltare e ascoltarci in un contesto più grande dell’episodio, in una visione più vasta del fatto (ci sono 2 T e non è un errore) e cerchiamo di capire quali sono gli effetti concreti e reali delle nostre parole e dei nostri pensieri e quando questi effetti possono realmente diventare fatti.

Forse dobbiamo cambiare modo di vedere, modo di pensare, o almeno avere la lungimiranza di distinguere le occasioni.. non può esistere un mondo dove tutto si descrive con un si o con un no, con un favorevole o un contrario; dove le questioni di civiltà sono legate all’individuo come esponente singolo.

Forse non siamo tutti in grado di fare sempre e comunque i giudici di ogni cosa in ogni contesto, questo non vuol dire che non possiamo avere un opinione ma che magari, a volte, prima di condividerla con il nostro parziale mondo intero, dovremmo magari rifletterci un pò su.

Forse dovremmo entrare nell’ottica che il numero di Like e condivisioni è influenzabile ed influenzato in un modo così semplice che l’incremento di quell’indice stesso potrebbe nascondere nello stesso tempo che serve per trasformare un contenuto offline in uno online una corrente di pensiero che è l’esatto opposto di quello che ci saremmo attesi.

Quindi non so, se la mia è solo confusione dettata da un rumore che diventa ogni giorno più assordante oppure una resa o un passo indietro verso questo insieme di situazioni che mi sembrano essere sempre più lontane da qualsiasi concetto di visione per il bene comune.

Infondo ci sono riuscito nuovamente anch’io, nonstante sembrava non volessi farlo, ho commentato…

Come ci riuscite? come ci riusciamo???

7 pensieri riguardo “come ci riuscite, come ci riusciamo???”

  1. Il tweet, il commento “facile” permette a tutti di esprimere una opinione, spesso disarticolata e frutto solo della voglia di “dure qualcosa”, più che di offrire un ragionamento.
    Non si può essere tuttologi e poter dire la nostra riguardo Trump, Siria, votazioni, estremisti, etc. Meno che mai nello spazio di un tweet.

    Piace a 2 people

  2. Con i social ci sentimao come se fossimo partecipi di un’unica tribuna, e com se avessimo il diritto ed il dovere di dire quello che ci passa per la mente. Non quello che effettivamente pensiamo. Così si creano delle situazioni in cui dal pensiero si passa all’insulto, e a maggior like di un commento corrisponde la maggior presunzione di essere nel giusto, di essere superiore agli altri.
    Personalmente non commento proprio quando leggo qualcosa. Commento solo se ne ho le competenze e se ciò che dico può essere d’aiuto a qualcuno… Sbaglio, ma meglio di niente…

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...