in profondità o in lunghezza

Oggi mi è apparsa in mente questa riflessione

“il valore di un emozione si misura in intensità e non in tempo,
l’intensità si calcola in profondità, il tempo in lunghezza”
Da tempo sono giunto a conclusione che ciò che più di ogni altra cosa determinerà, qualora mi
troverò nella situazione di fare un bilancio, il valore della mia vita saranno le emozioni..

in questo senso quindi come valutarne il valore??

con un numero?? quante volte mi sono emozionato?

con un argomento?? per quali motivi mi sono emozionato??
forse con un intervallo di tempo?? per quanto tempo è durata questa emozione?? o quanto è passato dall’ultima?
potrebbe essere un buon indice ma, come fare per stabilirlo?? cosa determina la durata dell’emozione?
forse i motivi che la producono? forse la sorpresa che l’acompagna?

troppi fattori, troppe variabili..

sono giunto a conclusione che probabilmente il parametro migliore da misurare potrebbe essere l’intensità…

dall’intensità dipende la profondità dell’emozione, più è intensa più scava nel tuo profondo,
più scava nel tuo profondo più ti darà modo di conoscerti, di conoscere, toccare e sentire parti di te
che non sapevi di avere, che non immaginavi di incrociare..

più intensa e profonda è, l’emozione, è probabilmente più tempo durerà, potrà scomparire e riapparire quasi per caso, volutamente o in modo inaspettato, potrà farti un male cane o provocarti un piacere profondo, potrà farti ridere o farti piangere.. sarà però la cosa che più di ogni altra ti avvicinerà al tuo vero io, qualsiasi esso sia, chiunque tu sia..
alla fine continuo a pensare che mantenersi liberi e predisposti ad emozionarsi sia uno dei migliori modi per sentirsi vivi…

25 pensieri riguardo “in profondità o in lunghezza”

  1. Caro erik, come nn condividere? Le emozioni sn la nostra parte piu vera e piu siamo sinceri nella emozioni piu siamo veri.
    Come vero e che dobbiamo imparare a domarle e gestirle riuscendo ad avere il meglio.
    Un abbraccio forte

    Piace a 1 persona

    1. mm… sto riflettendo su “imparare a domarle” .. credo sia impossibile e che riuscirci potrebbe equivalere forse ad “ucciderle”…. mi piace pensare di poter imparare a lasciarle vivere, nascere, esplodere… che poi forse, infondo, significa ciò che hai detto tu… 🙂

      Piace a 1 persona

      1. Perché ho fatto una lettura della carta del diavolo e i sentimenti sono il nostro motore… o no? il motore è potenza, ma senza controllo non serve…

        Piace a 1 persona

  2. Concordo! Le emozioni sono ciò che di più vero e immediato abbiamo. Ognuno di noi prova le proprie emozioni e proprio per questo ci sembrano così intime,nostre.
    Le emozioni secondo me sono la variabile con cui misurare il tempo,i ricordi 🙂
    Ottima riflessione la tua!

    Piace a 1 persona

  3. Credo che dipenda dalla sensibilità di ognuno di noi.
    Conosco persone che si emozionano raramente, altre (come me) che fanno dell’emozione un proprio modo di essere.
    L’intensità, tuttavia, non è misurabile (così come il valore di un sentimento), proprio perché si tratta di un fattore soggettivo.
    In un mondo dove si quantifica ogni cosa, per fortuna emozioni, sensazioni e sentimenti restano variabili non misurabili.

    Ciao

    Kikkakonekka

    Piace a 1 persona

    1. beh, non è misurabile dagli altri.. i protagonisti dovrebbero avere un loro metodo di “misura” ed è in questo che si potrebbe o dovrebbe intervenire come singoli individui… imho ovviamente…

      "Mi piace"

    1. esiste la possibilità di dimenticare le emozioni?? io credo di si, in questo senso intendevo dare importanza al concetto di “misurarle”.. ovviamente è impossibile farlo o quantomeno impossibile stabilire un metodo, ma anche per le emozioni ci sono diversi livelli… immagino.. per il resto concordo con l’importanza da attribuire ad avere accettato di viverle o meno… ciao wolf, sempre un grandissimo piacere leggerti!!!!!!

      "Mi piace"

  4. Proprio il fatto che sono inquantificabili e qualche volta inqualificabili fa si che non ci si comprenda e nascano problemi, incomprensioni, le varie questioni sul dare e avere. In un mondo in cui il bilancio delle emozioni si potesse fare davvero con dei numeri ci sarebbero meno divorzi, meno prese in giro e meno cuori infranti…

    Piace a 1 persona

    1. beh, in qualche modo secondo me lo si fa già… già la consapevolezza che ne vivi svariate e di tutti i tipi deriva da una loro classificazione no??

      concordo che quantificarle non sia fondamentale, ma potrebbe diventare importante qualora il solo pensiero di farlo ci predispone in “ascolto” e quindi in qualche modo pronti a riceverle… questo voleva essere il senso… 🙂

      Piace a 1 persona

  5. Le emozioni sono il condimento della vita che senza, altrimenti,
    sarebbe un piatto inodore, incolore , insapore …
    Misurarle ?
    come in cucina è tutta una questione di “dosi” e maggiore è la
    qualità degli ingredienti e più il piatto risulterà gradevole …

    al mondo ci sono molte persone che campano a “pane ed acqua” …

    ciao 🙂

    Piace a 1 persona

Rispondi a equilibristasquilibrato Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...