rivoluzione del pensiero

..credo che per rivoluzionare davvero dovremmo tutti tornare a sognare di costruire e smetterla di sognare di

distruggere…

12 pensieri riguardo “rivoluzione del pensiero”

  1. Beh, in effetti pensando ai disordi provocati alla inaugurazione dell’EXPO…
    Però non sempre è facile costruire. Pensa a questa frase: “costruiamo un nuovo modo di fare politica in Italia”. Qual’è la prima cosa che ti viene in mente? A me viene in mente un *lanciafiamme* per distruggere tutta la merda che è ormai diventata la politica italiana. Non è facile costruire quando hai un intero mondo (in questo caso politico) che ti fronteggia.
    Certo, a livello idealistico, è bello pensare alla costruzione di un nuovo mondo, ma spesso, e aggiungo un mio personalissimo ‘purtroppo’, ormai oltre alla mente (il pensiero) si rende necessario il braccio (non intendo armato, eh).

    Kikkakonekka

    Piace a 1 persona

    1. vero, però forse solo in parte (nemmeno io ne sono convinto eh, come non lo sono che non serva il braccio armato)… nel senso che una parte di me pensa che sia proprio questo il nostro grosso limite, quello di pensare che per costruire si debba prima distruggere.. il problema è che non è chiaro quanto sia possibile combattere costruendo un modello opposto, modello che deve essere solido e strutturato.. modello che nella sua condivisione potrebbe contrapporsi “per effetto” a quello che esiste ora.. però forse è impossibile darlo alla luce senza distruggere, non lo so… anche perchè, mi piace sperare che se fosse facile forse non saremmo qui a parlarne…

      "Mi piace"

      1. 🙂
        In effetti.

        Però pensa ai ‘modelli’ codificati nel passato, tipo una società strutturata a livello di Marxismo.
        Fallimento totale.
        Anche il pensiero più cristallino, messo nelle mani sbagliate, si corrompe.

        "Mi piace"

      2. èh.. ma… appunto, il fallimento non è del pensiero ma della sua interpretazione… per questo è complicato, perchè è difficile escludere (per dirla in termini “informatici”) i falsi positivi… la sostenibilità dipende in modo troppo diretto dal modello di economia.. concetto che sarebbe interamente da rivedere… a mio modestissimo parere…

        "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...