expo, solo un altro caso dei tanti…

In questi giorni ci sono state un paio di notizie che mi hanno “innervosito”… niente di nuovo eh, però proprio per questo
mi danno fastidio.. perchè sono stufo di leggere o vedere sempre la stessa storia…

La prima è la vicenda di Dante Ferretti, non so se avete letto dell’Expo… la notizia è questa:

http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/04/07/expo-2015-rabbia-dante-ferretti-mio-progetto-non-neanche-partito/1572293/

http://www.lastampa.it/2015/04/08/italia/cronache/il-mio-progetto-dimenticato-ferretti-vuole-denunciare-lexpo-ezyIhGWjerdj6GIb5KrO4J/pagina.html

Quello che mi fa innervosire, e come già detto purtroppo non è una novità, è il fatto di constatare che ancora una volta non siamo in grado di fare un lavoro fatto a regola d’arte… sono convinto che non sia per mancanza di capacità pratica perchè in questo almeno per la mia esperienza personale vedo che ci sono un sacco di persone capaci.. le carenze evidenti sono organizzative e se vogliamo “di orgoglio personale”, di “passione per il lavoro” e di “rispetto per le persone” e anche per la storia di questo paese.

Non è il nome prestigioso di Dante Ferretti e il mancato rispetto per la sua persona, per la sua figura a farmi innervosire, se il progetto fosse stato di X o Y sarebbe stata la stessa cosa..

Perchè non riusciamo a fare un lavoro fatto bene, perchè chi deve organizzare e dirigere non è in grado di farlo?? ma sopratutto alla fine di tutto sembra che questo non rappresenti mai un problema…
perchè non c’è amore, passione, sentimento per quello che si fa? io sono convinto che se ci fosse queste cose non potrebbero esistere..
probabilmente la risposta è anche piuttosto banale, ma ribaltare questa risposta e questa banalità sembra impossibile..

Perchè sentiamo il peso dei fallimenti a volte frivoli e non sentiamo il peso dei fallimenti di questo tipo??

L’altra notizia l’ho letta ieri qui https://ilbandolodelmatassa.wordpress.com/2015/04/08/il-declino-inesorabile-di-un-paese/
e le domande e il fastidio si ri alimenta..

ora mi chiedo se le persone si rendono conto di ciò che fanno…

a tanti di noi danno fastidio queste cose, tanti si sentono offesi perchè si sentono trattati come deficienti, tanti pensano (giustamente) di non esserlo però alla fine le cose non cambiano.. continuiamo a leggere e vivere anche direttamente esempi come quelli sopra..

poi magari ti senti dire che “la vita bisogna prenderla con leggerezza…” sarà pur vero ma se farlo porta a questi risultati, forse chi afferma questo dovrebbe anche capire che ci vuole buon senso e onestà intellettuale anche per capire quando usarla questa leggerezza… ci sono situazioni e circostanze in cui usare la leggerezza è quanto meno fuori luogo.

A volte mi vien da pensare che lo stato dovrebbe tutelare il cittadino che si sente offeso, non rappresentato da queste persone o da queste situazioni perchè per credere nei concetti di stato, di “giustizia”, di “rispetto” e di “valori” è assolutamente indispensabile avere fiducia e la fiducia si costruisce con l’esempio… beh, in questo momento, secondo me mancano di brutto gli esempi su cui costruire una fiducia…

Annunci

6 pensieri riguardo “expo, solo un altro caso dei tanti…”

  1. La prima notizia l’avevo già sentita, e mi aveva lasciato senza parole.
    L’idea che Ferretti sia pronto ad azioni legali mi trova completamente d’accordo.

    La seconda notizia la leggo solo ora, e trovo il fatto davvero squallido:
    Abbiamo una classe dirigente infima, sottoculturata e di moralità bassissima, ed ancora mi chiedo come moltissime persone continuino ad eleggere certi riprovevoli personaggi.

    Vado a vomitare.

    Kikkakonekka

    Piace a 1 persona

    1. concordo con te sulle azioni legali che mi sembrano il minimo.. io incollerei i responsabili sulle dorsali… sulla seconda ancora più d’accordo…

      Mi piace

      1. Ma cosa possiamo fare, Erik?
        Nel web, e comunque anche a parole, tutti dicono di odiare la situazione attuale, ma poi al momento della presa di posizione molti si scansano, ed anche a livello di urna elettorale escono sempre i soliti nomi.
        Io non vorrei parlare di politica, tuttavia sono assolutamente convinto che serva il voto di protesta (tipo 5 Stelle, ma non solo) per poter almeno tentare di fermare questi parassiti che ci stanno facendo sprofondare.
        Lo stesso Renzi, che indubbiamente mi sta simpatico, ritengo non stia agendo nel modo migliore, per tantissimi motivi che non voglio attardarmi ad elencare. Mai lo voterei, e mai l’ho votato.
        Le nuove generazioni (i tuoi ed i miei figli…) affronteranno tra una decina d’anni un mondo di cui stiamo ponendo delle basi assolutamente instabili, e sono molto pessimista per il loro futuro.
        Ma poi, se segnali le magagne nazionali, passi per qualunquista, per demagogo, per farneticatore.
        La bugia è assunta a verità (grazie a 20 anni di berlusconismo), il fregare gli altri e lo Stato è ormai una moda, le condizioni di lavoro sono simili a quelle della Rhodesia, la libertà di stampa è inferiore a quella del Vietnam.
        Questa classe dirigente (non solo politica) andrebbe sterminata.

        (un incazzato) Kikkakonekka

        Piace a 1 persona

      2. è proprio il fatto di non saper rispondere alla tua domanda il motivo del mio innervosirmi… non so cosa possiamo fare.. mi verrebbe da dire ciò che hai scritto nella penultima frase, ma è una soluzione che non approvo mentalmente.. però non ne vedo altre.. e per questo torno sempre alla scuola e al pensiero.. solo quello può cambiare le cose se condiviso globalmente…

        è per questo che non capisco nemmeno cosa possa voler dire fregare lo stato quando è esso stesso che frega te ogni giorno e che purtroppo non ha quasi più ragione di esistere o quantomeno vede annientata la sua figura più importante… a queste condizioni prima o poi si istituirà la legione degli apolidi…

        Mi piace

  2. Non faccio giri di parole, dico quello che penso: non posso dimenticare di essere in Italia, paese ormai in mano a corrotti che oensano solo ai loro interessi, L’Expo già è sistemato in modo di avere un rendiconto loro, non credo neanche un pò a tuto quello che si dice, che gli italiani ne gioveranno…gli italiani che dicono loro. Nonsono pessimista, sono sfiduciata e non mi sento più di appartenere a questa Italia così mal concia. E non parlo di nascita, ma di rappresentanza.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...